---->...Quando nei primi anni ‘60 inizia a lavorare da garzone nella polleria di Via Teodosio n. 3 le cose erano molto diverse…


La storia di Dorando Giannasi è uguale a quella di tanti altri emigrati italiani che lasciano il paese per trasferirsi in città in cerca di lavoro. Ma la storia di Giannasi si trasforma nell’arco di 50 anni in quella che è stata definita in maniera calzante come “la parabola del pollo”.


Giunto nel 1959 a Milano, da una piccola località dell’Appennino tosco-emiliano, giovanissimo radica la sua attività di commerciante nel tessuto urbano della nostra città, facendo della sua esperienza umana e professionale un punto d’osservazione privilegiato dei suoi cambiamenti socio economici.


Oggi il chiosco di Giannasi è un punto di riferimento per gli abitanti di Porta Romana e per tutti coloro che grazie al passaparola arrivano da ogni parte della città per gustare il suo ottimo pollo allo spiedo.


Quando nei primi anni ‘60 inizia a lavorare da garzone nella polleria di Via Teodosio n. 3 le cose erano molto diverse…

Sveglia alle 4.oo del mattino e duro lavoro al servizio del “padrone” fino a tarda sera. Dopo solo un anno, assieme alla sorella maggiore Graziella, apre il suo primo negozio, una “Polleria e Posteria” in Via degli Scipioni n. 5 dove, oltre alla vendita, avevano adibito una stanza alla macellazione dei polli, seguendo dei criteri all’avanguardia rispetto alle normative igieniche allora non ancora vigenti.


Tra il ’63 e il ’66 spostano l’attività in Corso Buenos Aires n. 2, per trasferirsi definitivamente nel 1967 in Piazza Buozzi. Il chiosco, costruito dal Comune di Milano ed ancora oggi di sua proprietà, era all’epoca adibito alla vendita della frutta.


I fratelli Giannasi, che erano diventati 3, essendo subentrato anche Luciano, il piccolo della famiglia, ristrutturano le mura sul modello di quello che vendeva il pesce in piazza XXIV Maggio. All’epoca, da Piazza Buozzi si potevano contare non meno di 8/10 tra macellerie e pollerie, che nel giro di un ventennio una dopo l’altra hanno chiuso.

Nel 1972 viene assunto il primo dipendente, l’attività è in continua espansione e alla metà degli anni 80 si arriva a quota 6 dipendenti. Viene inoltre inserita la vendita della carne suina e, nell’88 anche la carne bovina, per assecondare la richiesta sempre più esigente e multiforme dei consumatori.


A metà degli anni ’90 alle carni crude, si affianca per la prima volta l’inserimento di uno spiedo e di una friggitrice, e di qui inizia la parabola del pollo che altro non è che una sfida personale e minuziosa da parte di Giannasi alla ricerca del mix perfetto di spezie con cui infarcire i suoi polli per renderli unici.


La serietà, la costanza e l’efficienza, la selezione nella scelta delle materie prime, il rispetto nel garantire al cliente un prodotto sempre di prim’ordire, sono diventate un codice etico che ha permesso al chiosco Giannasi di mantenersi vivace nel corso dei decenni, e di far fronte alle difficoltà economiche che hanno frenato il settore ripetutamente.

Al momento il negozio vanta la collaborazione di 17 validi dipendenti, che sono il vero motore pulsante dell’attività. E’ anche grazie a loro, infatti, che Giannasi oggi ha il tempo e la possibilità di dedicarsi ad attività sociali, come quella intrapresa dal 2007, e mai interrotta, a favore di AIRC.


Dopo la nomina nel 1990 a Cavaliere del Lavoro, Dorando ha avuto l’onore di presenziare al cospetto del Presidente della Repubblica assieme ad altri che si prestano a finanziare la ricerca sul cancro, a simboleggiare come, anche nel piccolo, con il lavoro costante, ciascuno di noi possa diventare protagonista nella vita di tutti i giorni.


Nel 2010 ha ricevuto dal Comune di Milano l’Ambrogino d’oro.

Lo sapevate che...?

Il nostro menu

LASAGNE AL FORNO

Primi Piatti

28.04.2015
VERDURE-ALLA-GRIGLIA

Le Verdure

17.02.2015
ROAST-BEEF-ALL'INGLESE

Le Carni Crude

17.02.2015
DSC_6460

I Fritti

17.02.2015
MEZZO-POLLO-ALLO-SPIEDO

Il Pollo

17.02.2015

Lunedi - Sabato

dalle 7 - alle 20